Se prenotate un viaggio a Londra, sia pure un solo weekend, cercate di pianificare le vostre serate prevedendo almeno un musical e combinando hotel e cena possibilmente vicino al teatro dello spettacolo prescelto. Il distretto di Londra con la più alta concentrazione di teatri è risaputamente il West End, l’area di divertimenti e svago dove tutto è più caro e non tutto di buona qualità.

Per il musical il prezzo del biglietto varia a seconda di diversi fattori, tra cui:
  • il successo dello spettacolo e il numero di stagioni da cui va in produzione
  • la notorietà degli attori, cantanti e ballerini del cast
  • la posizione del teatro.
Se l’inglese lo parlate un pochino ma fate fatica con il listening, allora i botteghini consigliano sempre i musical con maggiore focus sulla musica, sulle scenografie e sulle coreografie.
Seat Sign Rosa Parks
La targa che dal 2007 gli autobus di Miami-Dade Transit espongono orgogliosamente in memoria di Rosa Parks e del movimento di dusubbidienza civile di Montgomery chiamato Bus Boycott.

E io? Io non vedo l’ora che esca il musical su Rosa Parks (1913-2005) oggi in produzione a Londra (www.rosamusical.com), sulla storia della sarta di colore che in Alabama, nel dicembre del 1955, con il suo rifiuto a cedere il posto a un passeggero bianco salito sull’autobus dopo di lei mutò la storia dei diritti civili e che è stata raccontata al cinema ed ha ispirato diverse canzoni, tra cui Blackbird dei Beatles.

SHARE
Previous articleLa strada che non prendiamo…
Next articleSapevate che il Sudafrica … 
Annamaria è una fotografa anarchica nel senso che non sa fotografare e non aspira alla carriera, ma ama viaggiare e, nel tentativo di fissare negli occhi l’anima dei luoghi visitati, scatta ogni volta migliaia di inutili foto alla ricerca del momento topico. Insegna, con più impegno e fortuna, lingua e letteratura inglese presso un liceo della riviera adriatica (trascorrendovi la stagione invernale visto che d'estate preferisce viaggiare). Nel 2015 ha concluso il giro dei 5 continenti, visitando, tra l’altro, Singapore, il Vietnam, l’Australia e la Nuova Zelanda.