Perché GoEuro si configura come l’unico vero rivale di Skyscanner?
Con un’interfaccia grafica semplice e un solo click, la ricerca su www.goeuro.com non include solo voli (come tanti siti che hanno fatto il verso a Skyscanner), ma anche altre opzioni di trasporto quali treni e bus nonché i mezzi da e per gli aeroporti di qualsiasi città e centro abitato d’Europa.

“The very nature of creativity is coming up with things that have never been tried before.”

Shelly Lazarus

Che cosa rende questo sito innovativo dunque? Il fatto che, attraverso una tecnologia brevettata in grado di mettere treni e autobus allo stesso livello dei voli ovvero di codificare e tradurre anche le informazioni dei mezzi di trasporto terrestri, con una sola ricerca su GoEuro si ottengano più risposte, ovvero molteplici possibilità di viaggio da comparare e scegliere in base alle nostre esigenze di tempo e di budget. In pratica GoEuro ci consiglia rapidissimamente il mezzo low cost migliore da prendere e ci stupisce suggerendo un aereo laddove noi avremmo pensato al treno, inglobando anche l’alloggio su www.booking.com se lo vogliamo.

Già recensita da Forbes e Wired nel 2014 e questa settimana anche da Life Hacker Australia, la startup della ricerca e prenotazione online di mezzi di trasporto multimodali è nata da un’idea di Naren Shaam, uno studente di origini indiane formatosi a Harvard. Dopo aver viaggiato in Europa come backpacker, Shaam decide di abbandonare le prospettive di un lavoro nella finanza per fondare a Berlino la propria azienda, oggi attiva in 11 paesi europei con un team di oltre 150 persone che parlano 15 lingue e sono pronte a servire 32.000 stazioni ferroviarie e di pullman e 207 aeroporti.

Un limite? Skyscanner cerca voli in tutto il mondo, GoEuro si limita agli spostamenti in Europa. Per il momento.

SHARE
Previous articleDi che colore è il tuo passaporto?
Next articleArriva in Europa la carne di canguro
Annamaria è una fotografa anarchica nel senso che non sa fotografare e non aspira alla carriera, ma ama viaggiare e, nel tentativo di fissare negli occhi l’anima dei luoghi visitati, scatta ogni volta migliaia di inutili foto alla ricerca del momento topico. Insegna, con più impegno e fortuna, lingua e letteratura inglese presso un liceo della riviera adriatica (trascorrendovi la stagione invernale visto che d'estate preferisce viaggiare). Nel 2015 ha concluso il giro dei 5 continenti, visitando, tra l’altro, Singapore, il Vietnam, l’Australia e la Nuova Zelanda.